lunedì, Luglio 15contatti +39 3534242011

Abitare Orvieto: “In bocca al lupo alla Sindaca e a tutta la città”

Tempo di lettura: 2 Minutei

Alle recenti elezioni comunali, 6147 persone (su un totale di 15914 votanti) non
hanno partecipato al ballottaggio. Pur non esaurendone il significato, recarsi alle
urne rimane la principale espressione di partecipazione alla vita politica del luogo
dove si abita. La partecipazione che aveva accompagnato la campagna elettorale è
stata quindi solo di una parte della popolazione, un fuoco che non è riuscito a
scaldare gran parte della cittadinanza.

Con 164 voti di scarto, è stata confermata l’amministrazione in carica pertanto è alla
Sindaca Tardani e alla Giunta (che presto conosceremo) che Abitare Orvieto rivolge
un doveroso “in bocca al lupo”! Al contempo, ci auguriamo di non dover più ascoltare
e leggere assessori e consiglieri che danno dei “soliti soloni” ai cittadini che
segnalano problemi irrisolti, ritardi, e proposte alternative all’operato
dell’amministrazione comunale. Così come ci auguriamo si eviti di additare come
“volontà di mettere in contrapposizione” oppure come “disfattismo di chi rema contro”
qualsiasi esercizio di critica, anche quando svolto in modo costruttivo e propositivo.

Come abbiamo visto sia prima che durante la campagna elettorale, i cittadini
chiedono fortemente di intraprendere politiche volte alla tutela della residenzialità,
alla regolamentazione dell’accoglienza turistica, al ripristino o implementazione di
servizi e di evitare di concentrarsi solamente sulla promozione della bellezza del
centro storico, secondo un modello che ormai sta rivelandosi limitato e foriero di
numerosi squilibri in tutta Italia e in gran parte d’Europa.

Grazie anche a queste sollecitazioni che abbiamo cercato di accogliere e
comunicare, le questioni legate all’abitare sono state finalmente inserite in ognuno
dei quattro programmi elettorali. Questo ci conforta, ora è necessario che quanto
scritto nel programma dell’attuale maggioranza venga concretamente tramutato in
atti di governo della Città e, oltre a ciò, che possa essere dato spazio ad ulteriori
interventi, ritenendo quanto previsto non sufficiente per affrontare la situazione in cui
verte Orvieto.

Siamo già in ritardo: è necessario agire sul piano fiscale, urbano e sociale e chiedere
fortemente agli stakeholder locali, regionali e nazionali di intervenire a favore di
questa città che si è avviata ad essere un luogo da visitare e non da vivere. A
questo punto, l’amministrazione ha a disposizione la conoscenza accumulata in
cinque anni, numerosi studi socio-economici, dati ed esperienze nazionali ed
europee da cui attingere. Serve intervenire presto per evitare il punto di non ritorno,
a cui Orvieto è molto vicina.

In uno dei suoi ultimi post, la Sindaca ha dichiarato la necessità di “costruire
realmente una città unita”. Ecco, pensiamo che una città può essere “unita” se
diventa “una città per tutti”, una città quindi che non escluda chi non può permettersi
determinati costi, una città che garantisca servizi sanitari e sociali all’altezza, una
città che non espella i suoi residenti, una città che non seleziona ma che accoglie.

Nella speranza che i prossimi cinque anni possano essere di politica partecipata e
aperta, Abitare Orvieto rinnova il suo impegno nella comunità. A breve, fisseremo un
nuovo appuntamento per incontrarci: collegandoti al sito
https://www.abitareorvieto.it puoi lasciare la tua mail per poter rimanere aggiornato
rispetto ai prossimi passi!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com