martedì, Maggio 17contatti +39 3534242011

“Il neurone bugiardo”: il libro di Walter Procaccio in un seminario aperto allo “Scalo Community Hub” venerdì 22 aprile

Tempo di lettura: 2 Minutei

Cosa c’entrano i neuroni con i significati? Cosa c’entrano le neuroscienze – discipline che inseguono regolarità e ripetizioni di specie – con le parole (il “testo”) portate da una persona dentro lo studio dello psicoterapeuta? Senso e Causa, allorché si tratta di un soggetto con nome, cognome e irriducibile biografia, possono essere intercambiabili?

Attorno a queste ed altre domande ruota il libro di Walter Procaccio – “Il neurone bugiardo. Perché la psicoanalisi e le neuroscienze non hanno quasi nulla da dirsi” –protagonista del seminario in programma il 22 aprile alle ore 18.00 presso lo“Scalo Community Hub” in via Sette Martiri a Orvieto Scalo. Si tratta del secondo seminario che vede Procaccio – psichiatra e psicoterapeuta – proporre una serie di riflessioni sulle interconnessioni tra psicoanalisi, percorsi terapeutici, filosofia, scienza delle mente, pratica clinica.

Perché psicoanalisi e neuroscienze non hanno quasi nulla da dirsi? “Perché – scrive Felice Cimatti nella Postfazione – la prima di occupa di ‘testi’ (in cui rientra tutto, emozioni, affetti, ricordi, paure, tutta roba che entra nel setting sotto forma di parole) mentre la seconda si occupa di neuroni, cioè di molecole, di ioni di potassio e roba del genere. Ma c’è quel ‘quasi’. In quel quasi c’è la consapevolezza dello psichiatra Procaccio, che ricorda sempre allo psicoanalisti Walter che il dualismo è sempre lì. Ogni sintomo è un sintono mentale, è vero, ma questo non toglie che è pur sempre un sintomo. (..) in quel ‘quasi’ c’è tutto quello che conta, senza presunzione, senza troppe convinzioni, senza dubbi. La psicoanalisi, quasi.”

A Raffaele Iacarella, attuale direttore sanitario della Comunità terapeutica l’Airone, il compito di introdurre il lavoro di Walter Procaccio. L’evento è realizzato in collaborazione con la libreria Sovrappensieri (Centro Commerciale Fanello).

L’ingresso è libero. Per quanti volessero approfittare anche degli aperitivi dello “Scalo” si suggerisce di prenotare un tavolo rivolgendosi al numero 342 9500662 / 0763 532837

Walter Procaccio – Psichiatra e psicoterapeuta, è stato per molti anni responsabile sanitario della comunità terapeutica L’Airone di Orvieto. Attualmente è supervisore, sempre a Orvieto, della comunità educativa Xenia per minori stranieri non accompagnati. È stato docente a contratto presso la facoltà di psicologia della Università di Chieti. Collabora con la scuola di psicoterapia SSPIG di Palermo. È autore nel 2019 del volume “Il neurone bugiardo. Perché psicoanalisi e neuroscienze non hanno quasi nulla” da dirsi e curatore nel 2016 del volume “Oblio” entrambi editi per Cronopio.

(Visited 33 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.